Comune di Solopaca » Conosci la città » Tradizioni

Fotogallery

    Solopaca

News di Cronaca - ANSA.it

Tradizioni

La Festa dell'uva di Solopaca

La Festa dell'Uva che si svolge il 10 settembre 2006 a Solopaca è da sempre, fin dalla prima edizione del 1977, uno spettacolo unico e suggestivo.
Si tratta, ormai, di una tradizione consolidata, con la tipica sfilata, per le strade del paese, di 11 carri artistici realizzati con chicchi d'uva magistralmente incollati.
Ogni anno, nella seconda domenica di settembre, la Festa dell'Uva di Solopaca richiama, nella cittadina e in tutta la Valle Telesina, decine di migliaia di turisti provenienti anche da altre regioni.
La sfilata dei carri è preceduta dalle autorità con i gonfaloni dei comuni confinanti, seguiti dal corteo storico accompagnato da sbandieratori e musicanti.
Lungo il percorso sono allestiti i banchi gastronomici, per gustare i piatti della cucina contadina: "cavati" (gnocchi di farina), salsicce alla brace, peperoni imbottiti, "struscioli" (una specie di bignè rustuci) e poi tanta uva e vino Solopaca.

Le origini della Festa

Le origini storiche sono molto incerte, certamente, però, affondano le radici nelle antichissime tradizioni legate ai culti mediterranei. Dal culto di Iside, alle grandi feste dionisiache, la coltivazione della vite e la trasformazione dell'uva in vino hanno sempre rappresentato il mistero della "metamorfosi, della trasformazione che origina la vita e la rigenera dopo la morte. Nella civiltà contadina, specialmente dopo la diffusione del Cristianesimo, sono frequentissimi i riti propiziatori e di ringraziamento per il buon raccolto tra i quali va ricercata l'origine della festa dell'uva di Solopaca che anticamente si svolgeva in occasione delle celebrazioni religiose in onore della Madonna Addolorata.

La Sfilata

La festa dell'uva di Solopaca vuol essere una rievocazione dell'antica tradizione di offerta dei prodotti della terra alla divinità.
Non a caso essa cade in prossimità della festa della Madonna Addolorata, a cui era dedicata l'antica "Sagra". Oggi, grazie ai contributi della Proloco, è stata arricchita di un ampio corteo storico che rievoca il periodo ducale, al tempo dei Ceva-Grimaldi (1609-1764).
Si è voluto, infatti, rappresentare uno "spaccato" storico-sociale di una tradizione: l'offerta votiva di carri fatti d'uva a cui si è aggiunto un messaggio pubblicitario del prodotto: il vino D.O.C.
L'edizione 2000 è stata quella più completa: alla festa della sfilata, la statua dell'Addolorata, interamente rivestita di grappoli d'uva nera, (secondo la tradizione più antica) accompagnata dai rappresentati della "Confraternita dei sette dolori". A seguire il corteo dei POPOLANI raffiguranti storici della famiglia ducale con relativo accompagnamento di paggi, dame e cavalieri. Infine i CARRI allestiti dalle botteghe dei "Maestri carraioli" ispirati a fatti di attualità o ad elementi significativi atti, comunque, a reclamizzare il SOLOPACA D.O.C.
Il corteo è sempre arricchito dalla partecipazione di gruppi folkloristici, sbandieratori, rappresentanti delle "città del Vino", gonfaloni dei comuni vicini e dalle autorità.

2

 Comune di SOLOPACA
 PIAZZA MUNICIPIO
Tel. 0824.977725
P.I. 00074320623

HTML 4.01 Strict Valid CSS
Pagina caricata in : 0.14 secondi
Powered by Asmenet Campania